Dipartimento di Scienze della Salute

Università Magna Graecia di Catanzaro

Laboratorio Di Diagnostica Vascolare

nessuno - nessuno1
Il principale interesse della Prof.ssa Irace è lo studio delle alterazioni morfologiche e funzionali delle arterie in-vivo e delle forze emodinamiche (shear stress in particolare). Grazie alla collaborazione con il Prof Gnasso e grazie all’impegno di giovani collaboratori che hanno fatto e fanno parte del gruppo sono state messe a punto delle metodiche non invasive e test provocativi che consentono la valutazione del danno aterosclerotico iniziale a carico delle arterie di grande e medio calibro in presenza di fattori di rischio metabolici (Diabete ed Iperlipidemie). Tali metodiche prevedono l’utilizzo degli ultrasuoni e l’induzione di stimoli ischemici transitori (Flow Mediated Dilation; Hand Grip-Exercise Reactive Hyperemia). Nel periodo di collaborazione con il prof. Michael Tschakowsky, Department of Physiology, School of Kinesiology and Health Studies, Queen’s University, Kingston, Canada, sono stati identificati dei nuovi fenotipi di risposta di adattamento vascolare ai test provocativi ad elevato rischio cardiovascolare. Successivamente l’interesse è stato rivolto ai vasi più piccoli, in particolare al circolo capillare del muscolo scheletrico. Il muscolo scheletrico svolge un ruolo importante nella regolazione del metabolismo glucicido. Durante il periodo svolto presso il General Clinical Research Center (CRC), Dir: Prof Eugene Barrett, University of Virginia Health Sciences Center, Charlottesville, VA, è stata appresa la metodica del CEU (Contrast Enhanced Ultrasound) che consente grazie all’utilizzo di mezzi di contrasto ultrasonografici la valutazione dei capillari che per la loro dimensione non potrebbero essere diversamente studiati.  Per quanto riguarda le forze emodinamiche, lo shear stress è quella maggiormente studiata. Si tratta della forza tangenziale esercitata dal sangue sulla superficie endoteliale ed in grado di modulare la sintesi ed il rilascio di sostanze vasoattive. Lo shear stress è fortemente influenzato dalla viscosità ematica che è determinata grazie ad un Viscosimetro.  Sempre nel nostro laboratorio è stato quindi validato un metodo per misurare in-vivo lo shear stress. Una recente linea ricerca riguarda i soggetti con diabete di tipo 1 e l’utilizzo di modelli di gestione del dato glicemico in tempo reale ed in remoto. Tale opportunità si è resa possibile grazie all’introduzione di sistemi di monitoraggio in continuo della glicemia e software dedicati per il data management. Tale ricerca ha importanti risvolti clinici, dall’empowerment del paziente alla organizzazione ed interpretazione dei dati glucometrici per ottenere un miglior controllo del compenso glicemico.

ELENCO DELLE LINEE DI RICERCA

  • Studio in vivo delle alterazioni morfologiche e funzionali delle arterie (Flow Mediated Dilation, Hand Grip- Exercise Reactive Hyperemia
  • Studio in vivo della perfusione muscolare con tecnica CEU (Contrast Enhanced Ultrasound)
  • Studio delle proprietà emoreologiche del sangue (Shear Stress in particolare) e loro influenza sulla funzione e morfologia delle arterie
  • Validazione di modelli per la gestione in remoto di pazienti con diabete di tipo 1 utilizzando sistemi di monitoraggio in continuo della glicemia transdermici e sottocutanei 

Disponibilità tesi: Si

Personale

Concetta Irace

Docente

Antonio Cutruzzolá

Dottorando di ricerca

Fiorentino Raffaella

Esterno al Dip.

Parise Martina

Esterno al Dip.

Scavelli Fausta Barbara

Esterno al Dip.

Gnasso Agostino

Esterno al Dip.


Pubblicazioni

Articoli

Autori Titolo Rivista Anno Volume Pagine

Libri e Capitoli

Capitolo/Libro Titolo Autori Anno